SexyShock

Il 30 Giugno 2001, 3000 donne colorano le vie del centro di Bologna riappropriandosi simbolicamente degli spazi che da destra a sinistra 
vengono sottratti alla vita, alla salute e alla politica delle donne. 
Molta musica, molta ironia, poco antagonismo, molta affermazione.
E’ in quel momento e con queste modalità che nasce il progetto Sexyshock.
Sexyshock è un laboratorio di comunicazione aperto alle donne e uno spazio pubblico di discussione ed elaborazione. Sexyshock e’ dunque un progetto di ricerca, ma e’ anche un luogo. Uno spazio pubblico dove riunirsi, dove archiviare materiale, un punto informativo in cui rendere visibili e fruibili i percorsi delle donne e un laboratorio sulla sessualità.
Nato all’interno di uno spazio autogestito il 1° dicembre 2001 
(il Teatro Polivalente Occupato di Bologna), Sexyshock oggi ha sede nello spazio diBetty&Books (Via Rialto 23, Bologna), un negozio di sextoys, libri e oggetti di design e da collezione che è nato dalla sinergia tra le idee e le pratiche di Sexyshock e quelle della cooperativa Ibiscus, una cooperativa nata da una Betty e da altre persone, nel tentativo di mettere a valore riflessioni e sensibilità acquisite e ricavarne di che vivere.
Sexyshock, nell’orizzonte di una tale evoluzione, continua il suo percorso disperimentazione in quanto rete di donne (ma non solo), che (inter)agisce con il pink/queer activism, e che sviluppa, in quanto laboratorio di comunicazione, riflessioni ed azioni nei campi dellasessualità (come terreno di sperimentazione e di rivendicazione), della “sicurezza urbana” (da un punto di vista di genere con campagne informative contro la violenza sulle donne), dell’accesso alle tecnologie e biotecnologie, del lavoro precario e sessuale e delle produzioni culturali al femminile. Il lavoro sviluppato da Sexyshock in questi campi è orientato soprattutto all’analisi e all’intervento sugli immaginari collettivi contemporanei, e parte dall’interrogare i cambiamenti, le percezioni e, soprattutto, i desideri della nostra generazione di donne.
Sexyshock si muove sul territorio di Bologna (e Provincia!), in Italia come in Europa in modo molto trasversale ai luoghi e alle appartenenze politiche, per questo lo si può incontrare ed ascoltare in posti e situazioni con persone molto diverse tra loro, per vissuti, percorsi, genere e generazioni .