Archivi – 13 giugno 2008

Femminismo e Comunicazione

Sabato e domenica 14/15 giugno 2008 a Bologna si terrà l’edizione bolognese di FLAT .

Noi parteciperemo al tavolo sulla comunicazione: un pomeriggio  di discussione per ragionare di linguaggi e  di campagne comunicative, per riflettere insieme di strategie di visibilità e di connessione di progetti/campagne in una prospettiva nazionale, ma anche di comunicazione tra attiviste e di pratiche di rete.


Ormai anche il resto del carlino si è definitivamente convinto che "viviamo nella società dell’informazione e delle comunicazione" nella quale  il ruolo dei processi comunicativi è diventato centrale all’interno dei processi sociali, o meglio potremmo dire che allo stato dell’arte tutti i processi di comunicazione sono processi di costruzione sociale.

Quindi comunicazione’ si riferisce non solo all’aumento esponenziale delle occasioni di connessione e di confronto, al web o alla circolazione di materiali comunicativi all over the world, ma soprattutto al ruolo cruciale che questi prodotti/processi comunicativi hanno nel costruire, limitare o liberare le vite di donne e uomini: nella creazione dei processi identitari, nel rendere possibili determinate narrazioni e relazioni sociali e nel negare o stereotipizzarne altre, nel legittimare o sanzionare comportamenti sociali.

Che fare dunque? andare all’arrembaggio dei media e dello spazio digitale dotandosi di un nuovo linguaggio, costruendo un lessico e un’iconografia comunicativa che sia in grado di parlare di noi, dei nostri desideri, dei nostri stili e progetti di vita al di fuori delle banalizzazioni. Se ben utilizzata, una campagna di comunicazione può essere ben più radicale ed efficace di due uova a Giuliano Ferrara perchè è l’occasione di sfidare sullo stesso terreno gli stereotipi culturali, i modelli sociali, i modelli di femminilità dominante, le retoriche pubbliche sulla sicurezza e sulla vita.

La proliferazione di immaginari può essere una strategia efficace per contrastare la banalizzazione prodotta dallo stereotipo e discutere di comunicazione vuol dire condividere  gli strumenti critici per leggere e dissacrare il modello unico.

Ci immaginiamo il tavolo di comunicazione come un inizio per lavorare sulla produzione mediatica della rappresentazione della soggettività femminista, del corpo e del desiderio: tecnologie e informazione sono parte dei cambiamenti sociali e proprio per questo dobbiamo “metterci le mani” farle nostre stravolgendone gli stereotipi per decostruire l’immaginario corrente e aprirne un altro.

Sul nostro siti approfondimenti su femminismo e mediattivismo

a sabato, betties

Lascia un commento 13 giugno 2008


link

Categorie

Archivio

Agenda

giugno: 2008
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30